Maceiò, un’alba da non dimenticare in Brasile

Era da qualche anno che il Brasile era entrato nella mia mente. La curiosità e la voglia di visitare un paese ti viene generalmente dalle persone che ti circondano, dai racconti degli amici, dalle riviste di settore, dagli studi piuttosto che da particolari che ai più’ potrebbero sembrare insignificanti ma che ti rendono il paese simpatico e interessante.Uno di questi particolari che mi ha sempre colpito è pensare al Brasile come un paese solare, dove la gente e’ sorridente nonostante problemi economici talvolta anche molto gravi.

Da qui pero’ a pensare di pianificare una vacanza in Brasile ce ne vuole…

Una serie di circostanze mi hanno portato l’estate scorsa a trascorrervi un soggiorno indimenticabile.

Da qualche anno ho avuto la fortuna di conoscere una persona che e’ diventata nel tempo un vero amico. Gianni ha acquistato un appartamento nel Nord-Est del Brasile, a Maceiò, capitale dell’Alagoas.

Mi continuava a parlare di questa località ma non so perchè inizialmente non gli davo molto ascolto.
Non posso negare che quando mi disse che stava acquistando casa a Maceiò pensai fra me e me “chissà che fregatura che prendi Gianni…”

Il luogo comune di pensare ai Brasiliani a gente che ti può fregare ha sfiorato chiunque almeno una volta.

Una serie di investimenti tutti andati a buon fine, con ottimi guadagni,  consigliati da questo amico che di lavoro gestisce il patrimonio delle persone mi ha fatto improvvisamente pensare…

Vuoi vedere che anche li ha avuto ragione?

Non curandoci del lungo viaggio, di avere dormito poco e non capendo esattamente che ore fossero siamo usciti di casa.

Senza disturbare il nostro amico che dormiva in un’altra stanza ci siamo diretti in spiaggia a pochi metri dall’abitazione .

Ci siamo messi a camminare sul bagnasciuga, l’acqua dell’Atlantico ci bagnava i piedi, la spiaggia vuota di fronte a noi.
Si intravedeva in lontananza qualche appassionato di jogging.

La mia ragazza ed io camminavamo silenziosamente. Eravamo stanchi perché avevamo dormito poco ma soprattutto eravamo incuriositi e concentrati a guardare tutto quello che ci circondava.

Non volevamo perderci nulla nonostante fosse il primo giorno di vacanza e altri  ne avremmo avuti per scoprire le meraviglie locali.

All’improvviso lo spettacolo e’ iniziato…

Una palla infuocata e’ sorta all’orizzonte, illuminando tutto quello che c’era intorno a noi.

Il mare, la sabbia finissima, gli alberi di cocco, le prime persone per la strada, Maceiò, la località turistica di cui in tanti mi avevano parlato si stava presentando…
Ogni cosa ha iniziato a splendere con una luce diversa rispetto a pochi secondi prima..

Un tramonto indimenticabile e l’inizio di un innamoramento per un luogo meraviglioso ancora tutto da scoprire.