Varese – cicloturismo

La provincia offre moltissime possibilità di percorsi da fare in bici, e su questo sito http://www.vareselandoftourism.it/sportivo/ciclismo.htm potete trovare le mappe e tutti i dettagli di tutte le proposte.. ma qui vi elenco, quelli che secondo me, sono i migliori:
1- Lago di Varese: possibilità di visitare l’isolino Virginia a Biandronno.
2- Angera , Laveno: possibilità di visita alla Rocca Borromeo e al Museo dei Trasporti di Ranco.
3-CuveglioArcumeggia Valcuvia: visita degli affreschi di Arcumeggia e di Villa Porta Bozzolo a Casalzuigno.
Sono percorsi semplici, possibili da fare tutto l’anno e non troppo lunghi!!
E’ possibile acquistare uno dei pacchetti che offrono il soggiorno presso qualche hotel o bed & breakfast del Varesotto, con delle cene incluse per degustare qualche piatto tipico e il noleggio bici.

Ma tornando alle bellezze che si scoprono pedalando a Varese… , posso raccontarvi quello che si può visitare facendo i tre percorsi che vi elencato:
Nel primo percorso, si incontra L’Isolino Virginia, dalla caratteristica forma triangolare di circa 9200 metri quadrati di superficie, e si trova  a pochi metri dalla riva occidentale del lago di Varese, nel comune di Biandronno. Si raggiungere l’isola con una barca al costo di 2 euro. Sull’isola c’è un piccolo museo Preistorico, dato che l’isola è uno degli insediamenti preistorici più importanti d’Europa.
Ah, da non dimenticare, sull’isola c’è un bar-ristornate aperto tutto l’anno!!!
Nel secondo percorso si passa dalla – forse – famosa “ROCCA DI ANGERA

“.
La rocca risale ai tempi dei Romani e Longobardi, poi fu contesa tra i Torriani e i Visconti e Dal 1988 la Rocca ospita un museo unico nel suo genere, primo in Italia e tra i più storici d’Europa, che raccoglie in tredici sale la storia di due secoli di un gioco senza tempo: la bambola.
La rocca è aperta tutti i giorni da sabato 12 marzo a domenica 23 ottobre e il costo del biglietto è di 7 euro.
Il panorama che si gode dalla Rocca sul lago è da MOZZAFIATO!
Altro luogo dove far riposare le gambe dalla pedalata è il Museo Dei Trasporti  Ogliari di Ranco dove in 3 ore, potrete vivere 3 secoli di trasporti! Davvero interessante!

Nel terzo percorso potrete fermarvi a fare due passi per il paesino di Arcumeggia .
Arcumeggia, il cui nome probabilmente deriva da `Arx media” (rocca in mezzo a due valli – Valcuvia e Valtravaglia), è tra i Paesi Dipinti

il più importante, per la fama degli artisti che vi hanno lavorato.  Sulle pareti delle case e in ogni angolo del paese si trovano dei bellissimi affreschi; sono stati dipinti a partire dal 1956. Su questo sito potete trovare delle immagini http://www.ilvaresotto.it/Citta/Arcumeggia2.htm
Anche da questo paesello si gode una splendida vista sulla Valcuvia e sul lago Maggiore.
Una visita d’obbligo è alla VILLA PORTA BOZZOLO di Casalzuigno.
E’ presente nell’elenco dei beni del FAI: è una villa che è sorta nel Cinquecento come villa di campagna, e poi inseguito divenne  nobile dimora di rappresentanza e fu arricchita, nella prima metà del XVIII secolo, da un imponente giardino all’italiana.  E’ molto bella!
Beh…che altro dire… BUONA PEDALATA!!